ARRIVERETE OSPITI, PARTIRETE AMICI!
ARRIVERETE OSPITI, PARTIRETE AMICI!

Chi siamo

Tutto ha inizio circa la metà del secolo scorso.

Corre l’anno 1956.
Da una vecchia stalla, Luigi Magoni ricava un piccolo Bar.
La stalla è attigua alla avita «casa marcella»,
abitata, fin dalla metà del XIX secolo, dalla famiglia del patriarca Angelo Magoni, bisnonno di Luigi.

Al Bar viene posto il nome di Marcellino, perché è l’ultimo nato di Casa Marcelle.

Poco tempo dopo, Luigi incontra Antonia Acerbis e se ne innamora. Sarà la donna del suo destino.

Oltre che giovane e bella, Antonia è nata, come Luigi, nell’Altopiano, posto tra la Val Brembana e la Val Seriana, gente bergamasca, seria, concreta e lavoratrice.
Si sposano.

I due uniscono oltre che i cuori anche le forze, condividendo fatiche, gioie e dolori.
Rapidamente al bar si affianca il Ristorante (Antonia è una cuoca sopraffina e vincerà numerosi premi) e poi, nel 1968, l’Albergo, che Luigi costruisce pietra su pietra “letteralmente” con le sue mani.

Il miracolo è compiuto. In dieci anni, la forza di volontà dei coniugi Magoni ha trasformato un povero ricovero per animali in un grande ricovero per uomini e in un rinomato Ristorante.

E come nelle belle favole, la tenacia di Luigi (ormai diventato “Marcellino”) ed Antonia è premiata anche dal Buon Dio, che regala loro tre splendidi figlioli, Barbara, Lara e Marcellino (questa volta il nome è vero).

E dato che non c’è due senza tre, le due ragazze ereditano dal padre, che è maestro di sci presso lo Sci Club locale, la passione per gli sport invernali, diventando ben presto campionesse e vanto dello stesso Sci Club.